News from DRC (Democratic Republic of Congo)

La situazione politica congolese è ancora sotto i riflettori dell’ONU: in questi giorni si muovono  nuove ondate di protesta contro il presidente Kabila.

Dalla stampa internazionale apprendiamo che le Nazioni Unite hanno formalmente richiesto al governo della DRC di permettere le manifestazioni politiche anti-Kabila, organizzate dall’opposizione e da alcune settori della società civile. “I diritti fondamentali stabiliti dalla costituzione congolese vanno mantenuti, e fra questi la libertà di riunirsi in assemblea”. Così si sono espressi i membri della Missione di pace ONU di stanza a Kinshasa, sottolineando inoltre la necessità di rispettare quei principi di proporzionalità e legalità delle azioni di governo, sanciti dagli standard internazionali.

Il richiamo della Missione (MONUSCO: MISSION DE L’ORGANISATION DES NATIONS UNIES POUR LA STABILISATION EN RD CONGO) si leva in mezzo a un momento molto critico della storia e della politica del paese. Un’elezione era stata prevista per lo scorso novembre, ma voci ufficiali sostengono che sia stata postposta a causa di alcuni problemi logistici e per gli scontri avvenuti nella regione del Kasai, sedati nella violenza.

La Commissione Elettorale Nazionale avrebbe fissato una nuova data per il 23 dicembre 2018, generando sconcerto nel paese, perché il potere rimarrebbe per altri 14 mesi nelle mani del presidente Kabila, al governo da 16 anni.

Il leader dell’opposizione Felix Tshisekedi ha definito le prossime elezioni come una campana a morto per l’attuale regime. La paura è che questo calendario sia solo una manovra politica per garantire a Kabila un potere pressoché infinito, essendosì insediato dopo l’assassinio del padre nel 2001 ed essendo stato rieletto nel 2006 e nel 2011. Secondo la costituzione, non potrebbe correre per un terzo mandato.

Gli organismi internazionali (MONUSCO) monitoreranno la situazione e invitano il governo a garantire a tutti libertà di espressione.

Venerdì 1 dicembre, alcuni leader dell’opposizione sono stati arrestati dalla polizia governativa.

3 dicembre 2017

EDV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *