Ebola ed economia in Congo

Il confine tra Congo (DRC) e Uganda

Se da un lato i vaccini messi in pratica paiono efficaci, alcuni nuovi casi di Ebola si manifestano a macchia di leopardo in Congo.

Le ultime dichiarazioni del Ministero della Sanità congolese parlano di un nuovo caso accertato al confine con l’Uganda, paese fino a questo momento immune dal contagio.

Le autorità uganedesi sono pronte a distribuire dosi di vaccino, se da quel caso dovesse scatenarsi un’epidemia. E’ probabile che la diffusione verso est del virus dipenda, prima di tutto, dalla difficoltà incontrata dalla autorità sanitarie, nel distribuire i vaccini e le terapie sperimentali in alcune zone del paese. Non va però dimenticato che molte aree sono in preda a costanti stati di scontro etinco e di ribellione, che spingono centinaia di profughi a rifugiarsi in paesi confinanti, come l’Uganda, favorendo così la duffusione di ebola.

Forse proprio a causa di questo stato di perenne tensione tra fazioni e della presenza del virus, il cui arresto definitivo è ancora lontano, la banca centrale del Congo ha rivisto le stime di crescita della produzione di beni nel paese per il 2018 dal 4,2% al 4,1%.

Nel 2017 la produzione era salita del 3,7%.

 

21 settembre 2018

EDV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *